Papa Francesco: Angelus, “la Chiesa è itinerante, agisce in fretta, è decisa”. “Guai a coloro che pensano di seguire Gesù per fare carriera”

(Foto Vatican Media/SIR)

“La Chiesa per sua natura è in movimento, non se ne sta sedentaria e tranquilla nel proprio recinto. È aperta ai più vasti orizzonti, inviata – la Chiesa è inviata! – a portare il Vangelo per le strade e raggiungere le periferie umane ed
esistenziali”. A ribadirlo è stato il Papa, durante l’Angelus di ieri, in cui ha spiegato che “l’urgenza di comunicare il Vangelo, che spezza la catena della morte e inaugura la vita eterna, non ammette ritardi, ma richiede prontezza e disponibilità”. “La Chiesa è itinerante, la Chiesa è decisa, agisce in fretta, sul momento, senza aspettare”, la tesi i Francesco, secondo il quale “la sequela di Gesù esclude rimpianti e sguardi all’indietro, ma richiede la virtù della decisione”. “La Chiesa, per seguire Gesù, è itinerante, agisce subito, in fretta, é decisa”, ha ripetuto il Papa: “Il valore di queste condizioni poste da Gesù – itineranza, prontezza e decisione – non sta in una serie di ‘no’ detti a
cose buone e importanti della vita. L’accento, piuttosto, va posto sull’obiettivo principale: diventare discepolo di Cristo! Una scelta libera e consapevole, fatta per amore, per ricambiare la grazia inestimabile di Dio, e non fatta come un modo per promuovere sé stessi”. “È triste questo!”, ha esclamato Francesco: “Guai a coloro che pensano di seguire Gesù per promuoversi, cioè per fare carriera, per sentirsi importanti o acquisire un posto di prestigio. Gesù ci vuole appassionati di Lui e del Vangelo. Una passione del cuore che si traduce in gesti concreti di prossimità, di vicinanza ai fratelli più bisognosi di accoglienza e di cura. Proprio come Lui stesso ha vissuto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia