Care leavers: ad Agevolando il Premio Angelo Ferro per l’innovazione nell’economia sociale

Agevolando ha vinto l’edizione 2019 del Premio Angelo Ferro per l’innovazione nell’economia sociale. “Siamo stati scelti tra 187 associazioni da una qualificata giuria per aver contribuito allo sviluppo dell’economia sociale con servizi e processi innovativi”, spiega oggi l’associazione dei care leavers, che si occupa, appunto, del disagio dei ragazzi fuori famiglia. A ritirare il premio il presidente, Federico Zullo: “Un riconoscimento di grande valore per tutto quello che si è fatto dalla fondazione di Agevolando nel 2010 ad oggi. Un premio straordinario. Una gioia immensa. Il merito ad uno staff e a tantissimi ragazzi che stanno dando tanto per rendere migliore il futuro di molti giovani”.
Il premio è stato assegnato da Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e Fondazione Emanuela Zancan, con il contributo di Intesa Sanpaolo, in memoria di Angelo Ferro, scomparso il 13 marzo 2016, un imprenditore, docente e filantropo padovano. Ha ricoperto numerose cariche associative e ha promosso molte attività di interesse generale in campo sportivo, culturale e assistenziale. Nell’ultimo periodo della sua vita è stato presidente dell’Opera Immacolata Concezione, un’organizzazione di assistenza agli anziani.
La giuria ha premiato Agevolando con un contributo di 20.000 euro, che l’associazione destinerà ai progetti per l’autonomia di giovani cresciuti in affido, comunità e casa-famiglia. Marco Morganti, capo della Direzione Impact di Intesa Sanpaolo, ha sottolineato: “Quando i ragazzi sotto tutela, affidati alle cure dell’economia sociale dai Tribunali per i minorenni e dai servizi sociali, arrivano alla maggiore età vivono un momento particolarmente critico, in certi casi drammatico. Sono molte le associazioni che si occupano di questi ragazzi ma nessuna secondo il criterio del peer to peer, come Agevolando. Giovani che aiutano altri giovani. Questo è particolarmente bello e prezioso e ha colpito molto la nostra giuria. Niente è più persuasivo dell’esempio diretto. Un approccio che non si limita a un solo tipo di aiuto ma prevede un accompagnamento a 360 gradi, che affronta tutte le dimensioni del disagio, divenendo così davvero efficace. Un valore, quello del terzo settore e di associazioni come Agevolando, che non è ancora sufficientemente considerato ed è invece fondamentale per l’economia e la società”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa