Dire: i titoli e il tg politico

(DIRE-SIR) – Ecco i titoli e il tg politico della Dire. Anche su www.dire.it e www.agensir.it.

Caos treni, sospetto pista anarchica

Italia spaccata in due a causa di tre roghi dolosi che questa mattina hanno mandato in tilt la circolazione ferroviaria all’altezza di Rovezzano, provincia di Firenze, causando disagi dal nord al sud del Paese. Oltre 40 i treni Italo e Frecciarossa cancellati. Registrati ritardi di quattro ore. Si indaga per danneggiamento, tra le ipotesi più battute c’è la manomissione di origine dolosa. Il sospetto è che l’azione possa essere frutto di gruppi anarchici. “Se così fosse sarebbe un attentato allo Stato”, commenta Luigi Di Maio. “Verificheremo eventuali collegamenti con i No Tav”, fa sapere Matteo Salvini.

Fico: sull’autonomia decide il Parlamento

E’ ancora scontro sull’autonomia. Il presidente della Camera, Roberto Fico, invita governo e regioni a confrontarsi, non a insultarsi. La bozza di intesa, ricorda, arriverà in Parlamento e questo sarà un passaggio centrale perché saranno Camera e Senato a intervenire sul testo. Intanto, il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, tiene alta la tensione e avvisa il premier Conte: “Senza l’autonomia finanziaria non ci potrà essere accordo”, ribadisce.

Spiagge sicure, sequestri per 175mila euro

Sono 34.500 gli oggetti sequestrati per un valore di oltre 175mila euro. È il primo bilancio dell’operazione “spiagge sicure” voluta dal Viminale. Sono 100 i comuni costieri beneficiari dell’operazione, dotati di 4 milioni di euro per acquistare mezzi e pagare gli straordinari alle polizie locali. Scopo dell’offensiva è il contrasto alla prevenzione e all’abusivismo commerciale. Soddisfatto il ministro dell’Interno Matteo Salvini che dice: “È un aiuto concreto che contribuisce a difendere i commercianti e i piccoli imprenditori dalla concorrenza sleale”.

Reddito cittadinanza, accolte 900mila domande

Reddito di cittadinanza e quota 100, l’Inps fa il punto sulle misure bandiera del governo. Se sul fronte pensionistico sono oltre 162 mila le domande presentate per derogare alla riforma Fornero, sull’assegno stanziato da aprile le richieste accolte sono quasi 900mila: la regione con più percettori è la Campania, seguita dalla Sicilia. In coda la Valle d’Aosta.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo