Siria: card. Parolin, “l’intervento della Santa Sede per evitare la tragedia umanitaria”

foto SIR/Marco Calvarese

“La grande preoccupazione della Santa Sede è sempre umanitaria. Noi ci muoviamo fondamentalmente su quel piano, in quella visione e in quella prospettiva”. Così il cardinale segretario di Stato vaticano Pietro Parolin ha commentato la lettera del Papa ad Assad rispondendo alle domande dei giornalisti, a margine della presentazione, questo pomeriggio a Roma presso l’Auditorium di San Paolo Fuori le Mura, del bilancio sociale e della relazione sanitaria e scientifica dell’anno 2018 dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù. “Abbiamo raccolto tante voci di inquietudine su questa possibile emergenza umanitaria che sarebbe capitata nella provincia di Idlib dove si stavano raccogliendo e si sono raccolti i ribelli”, ha proseguito Parolin, spiegando che “noi volevamo intervenire in quel senso e non si poteva farlo se non passando attraverso chi attualmente detiene ancora l’autorità e il potere in Siria”. “Volevamo farlo per evitare la tragedia umanitaria e, approfittando di questo – ha continuato –, è stata toccata una costellazione di temi che fanno parte del diritto umanitario e delle preoccupazioni della Santa Sede”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa