Università Cattolica: summer school “fra moda e costume” sulle arti e i mestieri della scena

È dedicata al tema “Fra moda e costume: linguaggi e metodi nelle industrie creative” la terza edizione della summer school “Arti, mestieri e terminologie dell’allestimento scenico”, promossa dall’Osservatorio di terminologie e politiche linguistiche dell’Università Cattolica assieme alla Fondazione Cerratelli con partnership internazionali. In corso fino a sabato 27 luglio, nella Villa presidenziale del Gombo nel Parco naturale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli (Pisa), la summer school ospita quest’anno una mostra di costumi di scena che sarà visitabile fino al 30 settembre (con una pausa tra il 27 luglio e il 1° settembre) il sabato e la domenica, dalle 14 alle 19, o su appuntamento scrivendo a info@fondazionecerratelli.it. La mostra presenta i costumi che numerosi artisti realizzarono nel corso del Novecento: De Chirico, Casorati, Cagli, Guttuso, Luzzati. Il corso si rivolge a operatori nell’ambito dell’allestimento scenico, costumisti, laureati o dottorati in materie letterarie e linguistiche, studiosi di storia del costume e dello spettacolo. In particolare, il tema dell’anno, “Fra moda e costume: linguaggi e metodi nelle industrie creative”, sarà trattato attraverso approfondimenti di carattere linguistico-terminologico sul costume, di tipo comunicativo-mediale e narrativo-letterario, “spaziando nell’area mediterranea, coniugando saperi, pratiche e prospettive teoriche per esperti del settore, studenti in formazione e appassionati”. I partecipanti alla summer school provengono da diversi Paesi – Albania, Egitto, Francia, Spagna, Stati Uniti e Italia – e “desiderano approfondire le loro conoscenze sul costume e l’allestimento scenico, con un background formativo variegato, di carattere linguistico, economico, artistico e letterario”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa