Papa Francesco: “qualsiasi forma di prostituzione è una riduzione in schiavitù”

“Qualsiasi forma di prostituzione è una riduzione in schiavitù, un atto criminale, un vizio schifoso che confonde il fare l’amore con lo sfogare i propri istinti torturando una donna inerme. È una ferita alla coscienza collettiva, una deviazione all’immaginario corrente”. Lo scrive Papa Francesco nella prefazione del libro “Donne Crocifisse”, pubblicata oggi su In Terris (www.interris.it). “Una persone non può mai essere messa in vendita – aggiunge il Papa -. Per questo sono felice di poter far conoscere l’opera preziosa e coraggiosa di soccorso e riabilitazione che l’autore di questo libro, don Aldo Buonaiuto, svolge da tanti anni, seguendo il carisma di don Oreste Benzi. Ciò comporta anche la disponibilità ad esporsi ai pericoli e alle ritorsioni della criminalità che di queste ragazze ha fatto un’inesauribile fonte di guadagni illeciti e vergognosi”. Papa Francesco racconta la visita fatta in uno dei Venerdì della misericordia durante il Giubileo in una casa di accoglienza della Comunità Papa Giovanni XXIII. “Non pensavo che lì dentro avrei trovato donne così umiliate, affrante, provate. Realmente donne crocifisse – scrive Francesco -. Nella stanza in cui ho incontrato le ragazze liberate dalla tratta della prostituzione coatta, ho respirato il dolore, l’ingiustizia e l’effetto della sopraffazione”. “È patologica la mentalità per cui una donna vada sfruttata come se fosse una merce da usare e poi gettare – prosegue il Papa -. È una malattia dell’umanità, un modo sbagliato di pensare della società. Liberare queste povere schiave è un gesto di misericordia e un dovere per tutti gli uomini di buona volontà. Il loro grido di dolore non può lasciare indifferenti né i singoli individui né le istituzioni. Nessuno deve voltarsi dall’altra parte o lavarsi le mani del sangue innocente che viene versato sulle strade del mondo”. Nel libro, don Aldo Buonaiuto racconta la sua attività di prete di strada, che va in soccorso delle donne vittime della tratta e lancia un appello per una moratoria internazionale che ponga fine a questa forma di schiavitù. “Le vittime della prostituzione coatta – spiega – sono le moderne schiave e finché non saranno liberate non potrà essere dichiarata la concreta, effettiva abolizione della schiavitù. Siamo stati creati per una atto di gratuita bontà divina e dobbiamo mantenere la nostra integrità al di fuori del ‘mercato’, del mercimonio, del tornaconto senza scrupoli. L’esistenza umana non ha prezzo e quindi anche vendere il corpo non potrà mai essere considerato un lavoro”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo