Comunicazione: Ucs Cei, “uso responsabile di ciò che la tecnologia offre”

“Un uso responsabile di ciò che la tecnologia offre: social network, piattaforme digitali, canali multimediali… In gioco, più che la questione tecnica, è l’impegno etico e democratico verso le persone più deboli; è il rispetto per l’altro; è l’appartenenza a una comunità. Sono pensieri che sollecitano riflessioni non più rinviabili. Cercheremo di coglierle nel nuovo anno pastorale”. È quanto si legge nella newsletter settimanale dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei, nella quale si richiamano le parole pronunciate dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontrando la scorsa settimana l’associazione stampa parlamentare: l’innovazione digitale, “con la diffusione dell’uso dell’intelligenza artificiale anche nel mondo della comunicazione, interpella, in maniera intensa, su temi che vengono messi in discussione, come la libertà, la dignità delle persone, la dimensione della riservatezza”. Mattarella ha tracciato coordinate “geografiche” e, soprattutto, “umane” per vivere con responsabilità le frontiere aperte dal digitale. In particolare, ha evidenziato: “Non esistono ‘non luoghi’: si tratta comunque di spazi, sia pure virtuali, in cui interagiscono persone e si registrano attività umane; e anche la dimensione digitale deve rispettare principi e regole frutto delle conquiste democratiche”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo