Ambiente: ministero, il 9 luglio a Fiumicino presentazione del progetto #plasticfreegc

“Sensibilizzare i cittadini a una maggiore responsabilità e attenzione alle questioni ambientali, promuovere e stimolare comportamenti attivi e virtuosi finalizzati al rispetto e alla conservazione dell’habitat marino, attraverso iniziative di educazione ambientale”. Questi gli obiettivi del progetto#plasticfreegc – promosso dal Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto Guardia Costiera su mandato del ministero dell’Ambiente, della tutela del territorio e del mare.
Il progetto #plasticfreegc è partito nel 2019, proseguirà per tutto l’arco dell’anno e sarà presentato il 9 luglio a Fiumicino, alle ore 15, presso la Base navale della Capitaneria di porto di Roma- Fiumicino.
All’evento interverranno il ministro dell’Ambiente Sergio Costa e il comandante generale del Corpo, ammiraglio Giovanni Pettorino, per spiegare le finalità di una collaborazione rivolta ad alimentare una nuova cultura della sostenibilità, soprattutto tra le nuove generazioni, con particolare riferimento alla tematica “Plastic Free”.
Le attività del progetto saranno realizzate principalmente attraverso l’utilizzo dell’hashtag #PlasticFreeGC, che costituisce lo slogan identificativo della campagna di comunicazione ed educazione ambientale in materia di lotta alla dispersione delle microplastiche nell’habitat marino.
Durante l’incontro sarà mostrato, in anteprima nazionale, uno spot televisivo realizzato dalla Guardia Costiera e dalla Rai, con l’obiettivo di sensibilizzare il grande pubblico sull’importanza della lotta alla dispersione delle microplastiche in mare e sulle conseguenze dannose che la plastica produce per le nostre coste, i nostri mari, la nostra salute.
Nel corso della conferenza sarà presentata anche una nuova applicazione, utilizzabile su tutti i supporti multimediali, pensata per favorire iniziative concrete e mirate – mediante un piano di attività d’informazione – ad una maggiore responsabilità e attenzione per la salvaguardia del mare.
Saranno inoltre illustrate le attività promosse dai Comandi territoriali della Guardia costiera lungo gli 8.000 km di coste del Paese per incentivare le buone pratiche da adottare in mare e sulla spiaggia a tutela dell’ambiente.
Nell’occasione sarà lanciata, inoltre, l’operazione“reti fantasma”, attività mirata al recupero delle reti da pesca abbandonate volontariamente (talvolta accidentalmente) sul fondo del mare, in aree di particolare pregio ambientale, che incidono sul processo di cambiamento dei fenomeni naturali e che rappresentano anche un rischio per la sopravvivenza della flora maina e per la sicurezza dei subacquei. Si svolgerà inoltre l’attività operativa di recupero di reti al largo del litorale laziale.
Il progetto è stato inserito all’interno della campagna nazionale di sensibilizzazione #IoSonoMare.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori