This content is available in English

Consiglio Ue: adottate misure per garantire “esecuzione e finanziamento del bilancio Ue per il 2019 in caso di Brexit senza accordo”

(Bruxelles) Grazie alle misure adottate oggi dal Consiglio europeo, l’Ue potrà “continuare a effettuare pagamenti ai beneficiari del Regno Unito per i contratti sottoscritti e le decisioni adottate prima della data di recesso, purché il Regno Unito continui a versare i contributi concordati nel bilancio dell’Ue per il 2019”. Lo rende noto una nota diffusa oggi, relativa alla riunione del Consiglio “economia e finanza” che si è svolto a Bruxelles. Si tratta di “misure di emergenza”, che già avevano avuto l’approvazione del Parlamento in aprile, e che garantiranno “l’esecuzione e il finanziamento del bilancio dell’Ue per il 2019 in caso di Brexit senza accordo”. Questa eventualità non inficerà “il principio di base secondo il quale l’Ue a 27 e il Regno Unito devono onorare gli impegni finanziari assunti da entrambi”, ha spiegato Mika Lintilä, ministro delle finanze della Finlandia, Paese che attualmente esercita la presidenza del Consiglio. A beneficiare delle misure concordate oggi saranno “i cittadini e gli organismi del Regno Unito”, ma permetteranno anche “di evitare eventuali ripercussioni negative sugli altri beneficiari di finanziamenti dell’Ue”. Le misure serviranno inoltre a “mantenere invariate le quote relative degli Stati membri dell’Ue a 27 nel finanziamento del bilancio dell’Ue per il 2019”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo