Neonata abbandonata nel Tevere: Medicina Solidale e Cor, “dai bambini delle occupazioni la richiesta di pregare per questo piccolo angelo gettato come un rifiuto”

“I bambini delle occupazioni e dei campi improvvisati di Roma ci hanno chiesto di fare un momento di preghiera per ricordare il piccolo angelo gettato come un rifiuto nel Tevere a poche ore dalla sua nascita. Una richiesta che arriva da chi, seppur bambino, vive l’emarginazione in una città sempre più irriconoscibile e questo, a nostro avviso, è un segno forte di speranza e di voglia di guardare al futuro. Insieme a loro anche tanti romani che vogliono dare un segno di pace e di solidarietà ad una città duramente provata”. Lo dichiarano congiuntamente Lucia Ercoli, direttore dell’associazione Medicina Solidale, e David Lo Bascio, presidente del Centro oratori romani (Cor).
“Stiamo organizzandoci – aggiungono Ercoli e Lo Bascio – con un sacerdote per fare il prossimo 15 luglio, alle ore 18, un momento di preghiera e riflessione proprio nei pressi dell’area del Tevere dove è stato ritrovato il piccolo corpicino e saremo contenti se le istituzioni romane, laiche e religiose, volessero essere presenti”.
“Questo evento tragico – concludono Ercoli e Lo Bascio – deve fare riflettere sulla necessità di indire gli stati generali per l’infanzia abbandonata e sofferente nella nostra città per potersi confrontare e collaborare tutti e porre rimedio a una vera e propria piaga sociale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo