Diocesi: Gaeta, a Coreno Ausonio intitolata una piazza a don Raffaele Pimpinella nel ventennale dalla morte

“Quando una comunità si raccoglie per ricordare un pastore che l’ha servita nel tempo e per porre un segno che racconti anche ai posteri della sua presenza, come discepoli del Signore riconosciamo che attraverso la sua persona, il suo ministero, i gesti e le parole, Dio è stato tra noi, si è servito di un suo servo, per far crescere la coscienza della sua presenza e del suo aiuto”. Sono parole di mons. Mariano Parisella, vicario generale dell’arcidiocesi di Gaeta, che ha presieduto ieri sera una messa in occasione della dedicazione di una piazza di Coreno Ausonio (Fr) al sacerdote diocesano don Raffaele Pimpinella. Nato a Santa Maria Infante, una frazione di Minturno (Lt) nel 1949, don Parisella è entrato in seminario a soli 11 anni, ma ha dovuto presto lasciarlo per l’insorgere precoce del diabete. Ha frequentato poi il seminario maggiore al Leoniano di Anagni ed è stato ordinato nel 1976. Viceparroco a San Pietro a Minturno e a Coreno Ausonio, nella parrocchia di Santa Margherita, in quest’ultimo Comune è stato parroco dal 1978 al 1999, quando è morto per l’aggravarsi della malattia. Dal 1980 al 1985 è stato assistente diocesano Acr. “La gratitudine a Dio per don Raffaele, credo lo renda pienamente felice, in attesa dell’incontro con lui nella comunione piena con il Signore – ha aggiunto mons. Parisella –, ‘I fedeli si confessano come noi preti, secondo la nostra sensibilità’, mi ha detto una volta: don Raffaele leggeva la vita con ironia, cogliendo aspetti particolari in un’intuizione profonda che nasce dall’amore per il Vangelo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia