Scarp de’ tenis: nel nuovo numero Amatrice che resiste a tre anni dal terremoto, cyberbullismo e intervista con Gino Paoli

La copertina del nuovo numero di Scarp de’ tenis (234, agosto/settembre), in distribuzione da domani, è dedicata ad Amatrice, colpita tre anni fa, in agosto, dal terremoto. “Nonostante siano in tanti a non mollare – raccontiamo la storia di due attività che hanno riaperto i battenti grazie alla caparbietà dei proprietari – la zona è alle prese con un lento, ma costante spopolamento”, si legge nella rivista di strada promossa dalla caritas. “Monsignor Pompili, vescovo di Rieti, ha presentato Casa del Futuro, un progetto eco-sostenibile pensato e dedicato a chi vuole restare ad Amatrice”. Spazio anche a un servizio su un tema d’attualità, vista la concomitanza con la riapertura delle scuole: un ragazzo su due in Italia è rimasto vittima di bullismo o di cyberbullismo. Scarp “racconta le storie di chi lotta contro il fenomeno, lavorando sulla prevenzione. Perché se è vero che si tratta di un problema antico, mai come oggi gli strumenti tecnologici fungono da moltiplicatore”. Segue l’intervista a David Monacchi, “un ingegnere del suono che gira il mondo per registrare e preservare per i posteri il canto delle foreste primordiali”. All’interno del giornale il ritratto di Gaetano Scirea, a trent’anni dalla morte, firmato da Gianni Mura, e un’intervista con Gino Paoli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori