Diocesi: Senigallia, la mostra “Barocci e Barocceschi” continua nelle località che ospitano le opere

La mostra “Barocci e Barocceschi” in corso alla Pinacoteca diocesana di Senigallia propone un itinerario per alcuni centri del territorio che ospitano opere legate al maestro urbinate. Giovedì consuete visite guidate gratuite, dalle 21.30, alla mostra e alla galleria in Pinacoteca. Lo rende noto con un comunicato la diocesi di Senigallia. La mostra presenta un percorso di lettura – un itinerario – anche fisico da percorrere. Di qui l’invito a spaziare dalla sala del trono della Pinacoteca al territorio diocesano che largamente conobbe la fortuna del Barocci. Come andare a Belvedere Ostrense, dove all’interno dell’abitato, circondato da mura rinascimentali ornate da graziose loggette e da torri poligonali, si ammira – tra l’altro – la chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo che conserva nei suoi spazi una tela attribuita al baroccesco Nicolò Amatori raffigurante la “Circoncisione” e risalente al XVII secolo. Altra meta, Castelleone di Suasa, dove sorge la parrocchia dedicata ai Santi Pietro e Paolo che custodisce una elegante “Annunciazione” di Antonio Viviani (1560-1620), uno dei più valenti allievi del Barocci. A ingresso gratuito, “Barocci e Barocceschi. Un itinerario” è aperta in Pinacoteca a Senigallia dal mercoledì alla domenica, mattino-pomeriggio-sera, con orario 9-12/16-19/21-24.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa