Legalità: a Torvaianica la prima ludoteca del Comune di Pomezia in una villa confiscata alla mafia

Una villa di 200 metri quadri, con un seminterrato da adibire a magazzino, un piano terra e un’area esterna con piscina e garage ospiterà la prima ludoteca comunale di Pomezia (Roma), con una capienza di quattordici utenti per volta, differenziati per fasce di età. Lo stabile si trova nella località balneare di Torvaianica, nel complesso Villaggio Tognazzi, all’interno del comune alle porte di Roma, ed è stato confiscato alla criminalità organizzata. Bambini e ragazzi avranno presto un luogo di incontro e gioco condiviso grazie a un bando della Regione Lazio, che prevede interventi di ristrutturazione e/o recupero dei beni sottratti alla criminalità organizzata al fine di favorirne il riutilizzo e la fruizione sociale, che il Comune di Pomezia ha vinto aggiudicandosi un finanziamento di 60 mila euro. L’intera risistemazione comporterà un costo di 100 mila euro. “Aver vinto un bando per ristrutturare un bene confiscato alla criminalità organizzata rappresenta uno strumento di sviluppo e riscatto del nostro territorio nella direzione della legalità” afferma il sindaco di Pomezia, Adriano Zuccalà. “Caratteristica fondamentale del progetto è l’attuazione di una serie di interventi volti a soddisfare la richiesta di disponibilità di strutture dedicate ai minori del territorio – aggiunge l’assessore ai lavori pubblici Federica Castagnacci – Le opere riguardano principalmente interventi interni, oltre all’acquisto di arredi e forniture”.

 

 

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa