Venezuela: Conferenza episcopale, “voci calunniose e false contro mons. Edgar Peña Parra”

La Presidenza della Conferenza episcopale venezuelana, in una nota, “si sente obbligata” a intervenire per rispondere ad alcune “dichiarazioni calunniose” contro uno dei collaboratori più vicini al Papa, venezuelano originario dell’arcidiocesi di Maracaibo: il sostituto della Segreteria di Stato, mons. Edgar Peña Parra. “Con responsabilità – si legge – affermiamo che si tratta di una persona ampiamente conosciuta e apprezzata nel mondo ecclesiale del nostro Paese”, così come nei luoghi dove ha prestato servizio diplomatico. La nota prosegue spiegando che che le accuse a livello internazionale apparse contro di lui hanno “causato sorpresa e disagio al mondo cattolico dell’arcidiocesi di Maracaibo”, così come nel Paese, soprattutto perché si è sostenuto che esse sarebbero state corroborante nel suo Paese d’origine. E si precisa che “addirittura alcune segnalazioni non coincidono né nelle date né nella presenza fisica dove dicono si sarebbero verificati i fatti”.
Secondo il documento, “queste falsità, all’apparenza al servizio della verità, nascondono altri fini” e provengono da settori ecclesiali che cercano di “minare la credibilità di Papa Francesco, creando dubbi, facendo notare che il suo magistero e le sue azioni sono segnate da scelte non corrette dei suoi collaboratori”. Nel comunicato si sostiene, inoltre, che intenzioni di “coloro che agiscono in questo modo” sono “delegittimare” chi ha chiaramente stigmatizzato “un’economia sfrenata e priva di umanità”, come quella attuale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori