Diocesi: Caritas Bolzano-Bressanone, il 14 settembre festa per i “50 anni di ferie per bambini a Caorle”

In occasione della ricorrenza “50 anni di ferie per bambini a Caorle” la Caritas di Bolzano-Bressanone invita alla festa di anniversario, che si terrà a Caorle sabato 14 settembre, tutte le persone che sono state coinvolte a diverso titolo nell’esperienza cinquantenaria del villaggio “Josef Ferrari”.
“Chi ha trascorso qui le estati da bambino o da collaboratore, le famiglie dei bambini che passeranno o hanno passato le ferie in questo villaggio, tutti, proprio tutti sono invitati a festeggiare con noi e a rivivere insieme i ricordi che li legano a questo luogo”, dice Klaus Metz, responsabile delle strutture per ferie della Caritas a Caorle. Per chi volesse partecipare a questa giornata la Caritas ha organizzato un pullman gratuito che partirà da Bolzano (alle ore 6 della mattina) e tornerà da Caorle in serata. Per motivi organizzativi è necessario prenotare entro il 31 agosto sia il pullman sia il pranzo al numero telefonico 0471 304 340 oppure via e-mail all’indirizzo ferien@caritas.bz.it (oggetto “anniversario”).
La festa di settembre sarà l’evento culminante e finale del cinquantenario, partito con la distribuzione di uno speciale calendario pieno di ricordi raccolti tra chi ha vissuto un periodo delle proprie ferie nella colonia della Caritas. È stata pensata inoltre, per ogni turno estivo dei bambini, una sorpresa per festeggiare in modo originale l’importante anniversario. Tra tutti i bambini iscritti quest’anno alla colonia verrà estratto, in occasione della festa che si terrà il 14 settembre, il premio di una vacanza gratuita a Carole nella stagione 2019/2020.
Il villaggio “Josef Ferrari” è stato inaugurato nel 1969 dall’allora direttore della Caritas, mons. Pius Holzknecht. Più di 50.000 bambini e giovani di tutto l’Alto Adige hanno trascorso nella struttura le loro ferie, accompagnati da collaboratori appositamente formati. “È stato sempre un obiettivo della Caritas quello di poter offrire al maggior numero possibile di persone un momento di serenità e tranquillità in riva al mare – spiega il direttore della Caritas Paolo Valente – All’inizio l’attenzione era rivolta soprattutto ai bisogni di salute dei piccoli, oggi si tratta di far trascorrere loro del tempo insieme, dando la possibilità di creare nuove amicizie e sperimentare il senso di comunità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori