Povertà: Caritas e DentalPro, cure odontoiatriche gratuite per “aiutare le persone in difficoltà a ritrovare il sorriso”

Almeno 255 persone (bambini, adulti e anziani), tra le persone in difficoltà che frequentano i 186 empori solidali della Caritas, beneficeranno di cure odontoiatriche gratuite presso 51 centri DentalPro, il più grande gruppo odontoiatrico in Italia per le cure dentistiche, con 1300 dipendenti e 850 medici  nei suoi 165 centri. Il protocollo d’intesa tra le due organizzazioni intende garantire “il diritto alla salute in un settore non contemplato dal Servizio sanitario nazionale – ha spiegato Francesco Marsico, responsabile dell’area nazionale di Caritas italiana, in una conferenza stampa oggi a Roma -. È un bisogno molto diffuso tra i poveri ma purtroppo inevaso, che incide molto anche sulla sofferenza fisica delle persone”.  Il progetto intitolato  “Aiutiamo le persone in difficoltà a ritrovare il sorriso” coinvolgerà inizialmente 51 centri odontoiatrici. “L’obiettivo da qui a sei mesi – ha precisato Marsico – è arrivare ad almeno 100 luoghi per cure dentarie di qualità”. Ognuno dei 51 centri coinvolti (non è una attività in franchising, i medici sono liberi professionisti e offriranno volontariamente la loro prestazione pro bono) si farà carico di 5 persone (2 adulti, 2 anziani e 1 bambini). “Sentiamo molto il tema della responsabilità sociale – ha detto Angela Muto, del Comitato di direzione di DentalPro – e il dovere di intervenire nelle comunità locali a sostegno delle persone più bisognose”. I pazienti, ha puntualizzato Enrica Durval, membro del Comitato medico scientifico di DentalPro, “saranno trattati con le stesse metodologie e materiali usati per gli altri pazienti. Abbiamo un accurato controllo qualità nelle nostre strutture e l’anno scorso abbiamo ottenuto tre certificazioni per ambiente, Iso e sicurezza. Con i bambini prevediamo anche trattamenti ortodontici quando necessario, per gli anziani protesi mobili. Abbiamo informato i nostri 850 medici e tutti hanno risposto con grande entusiasmo”. Gli operatori degli empori solidali, una sorta di supermercati dove le persone in difficoltà possono fare la spesa gratis usando una card apposita, sono abituati a ricevere richieste di aiuto in quest’ambito. “Tra i nostri 1100 assistiti 600 sono minori e 100 anziani – ha raccontato Alessandra Romersa, della Caritas di Rimini -. Gli anziani si lamentano molto della fatica di mangiare senza denti e in effetti sorridono poco”. Massimo Olivieri, dell’emporio solidale di Spinaceto, della Caritas di Roma, ha detto: “Diamo gli omogeneizzati anche agli anziani perché hanno problemi di masticazione”. L’auspicio finale è che gli altri gruppi odontoiatrici “prendano esempio e ci copino”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo