Diocesi: Perugia, dialogo con il card. Bassetti su “inclusione e cooperazione internazionale”

“Inclusione e cooperazione internazionale a tutte le latitudini – Dialoghi sul futuro”. È il tema dell’incontro tra i rappresentanti di Tamat Ong, Fondazione Ismu e l’Ufficio per la Pastorale dei problemi sociali dell’arcidiocesi di Perugia con il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti. Si svolgerà martedì 10 settembre, dalle 15.30, nel Centro Mater Gratiae di Montemorcino a Perugia. Si rifletterà su percorsi, pratiche e strumenti per l’inclusione e la cooperazione internazionale a tutte le latitudini in Umbria come in Africa, su best practices perseguite anche dal progetto Rasad – “Reti d’acquisto per la sicurezza alimentare con il supporto della Diaspora burkinabé d’Italia”, coordinato da Tamat Ong e co-finanziato dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo. Spazio anche per le esperienze e le competenze dell’Istituto Serafico di Assisi su come si possano rendere realmente effettivi i principi di inclusività e favorire processi di integrazione anche delle persone con disabilità fisiche, psichiche e sensoriali. Dopo i saluti del direttore dell’Ufficio per la Pastorale dei problemi sociali, del lavoro e per la custodia, diacono Carlo Cerati, e la proiezione di un estratto del video documentario prodotto da Tamat Lambe’ su esperienze socio-lavorative che si stanno portando avanti nel parco agrosolidale urbano di Montemorcino, le riflessioni del segretario generale della Fondazione Ismu Centro Studi, Vincenzo Cesareo, e del card. Bassetti sull’importanza di lavorare in rete per promuovere una buona integrazione. Interverranno anche il prefetto Maria Assunta Rosa, il direttore generale di Tamat Ong, Piero Sunzini, e Francesca Di Maolo, presidente dell’Istituto Serafico di Assisi su inclusione e disabilità.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa