Migranti: Viminale, da inizio anno oltre 5.200 persone sbarcate sulle coste italiane. Ad agosto più di 1.200 arrivi

Sono finora 5.253 le persone migranti sbarcate sulle coste italiane da inizio anno, di cui 118 nella sola giornata di ieri. Rispetto agli anni scorsi, si è registrata una diminuzione delle persone arrivate in Italia via mare del 73,95% sul 2018 (furono 20.168) e del 94,74% sul 2017 (99.810). Il dato è stato diffuso oggi dal ministero degli Interni, considerati gli sbarchi rilevati entro le 8 di questa mattina.
Degli oltre 5.200 migranti sbarcati in Italia nel 2019, 1.370 sono di nazionalità tunisina (26%), sulla base di quanto dichiarato al momento dello sbarco; gli altri provengono da Pakistan (805, 15%), Algeria (567, 11%), Costa d’Avorio (519, 10%), Iraq (399, 8%), Sudan (205, 4%), Bangladesh (231, 4%), Marocco (114, 2%), Iran (108, 2%) e Guinea (104, 2%) a cui si aggiungono 831 persone (16%) provenienti da altri Stati o per le quali è ancora in corso la procedura di identificazione.
Nel corso di quest’anno è stato agosto il mese in cui si sono registrati più sbarchi: con 1.268 persone arrivate sulle coste italiane, il mese che si è appena concluso ha sorpassato quello di giugno (1.218) mentre a luglio sono state 1.088 e 782 a maggio. Nel 2018, le persone registrate sbarcate in Italia furono 3.963 a maggio, 3.147 a giugno, 1.969 a luglio e 1.531 ad agosto.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa