This content is available in English

Myanmar: fondi Ue “per aiutare le famiglie sfollate e colpite dalla violenza” e fornire istruzione ai bambini

(Bruxelles) La Commissione europea ha annunciato oggi un nuovo pacchetto di aiuti umanitari del valore di 9 milioni di euro “per far fronte alle esigenze delle famiglie colpite dalla violenza in Myanmar, in particolare di quelle che vivono negli stati di Kachin, Shan e Rakhine”. Ciò include 2 milioni di euro per aumentare l’accesso a un’istruzione primaria e secondaria per i bambini che non vanno a scuola a causa degli sfollamenti. Il commissario per gli aiuti umanitari e protezione civile Christos Stylianides, spiega: “La situazione in Myanmar va oltre la difficile situazione dei rifugiati Rohingya. Non possiamo dimenticare le vittime in Myanmar che sono state sfollate dalle loro case a causa delle violenze in atto nel Paese. La protezione dei civili continua ad essere una priorità assoluta per l’Unione. L’assistenza che annunciamo mira a proteggere le persone più vulnerabili che sono private dei diritti fondamentali”. Gli aiuti dell’Ue saranno destinati a “migliorare le condizioni di vita nei campi, riparando alloggi di fortuna e le infrastrutture idriche e igieniche. Inoltre, i progetti si concentreranno in modo specifico sulla prevenzione e la risposta alla violenza di genere e il rispetto del diritto internazionale umanitario”. L’Ue finanzia operazioni umanitarie in Myanmar dal 1994, “fornendo un totale di oltre 249 milioni di euro in programmi di aiuti d’urgenza per assistere le vittime di conflitti e calamità naturali”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa