Ospedale Bambino Gesù: Roma, il 27 settembre porte aperte ai piccoli esploratori della scienza. Incontri, esperimenti e visite ai laboratori per bimbi e famiglie

Piccoli esploratori alla scoperta delle meraviglie della scienza attraverso esperimenti, visite guidate e incontri con i ricercatori a misura di bambini e ragazzi. Per la Notte europea dei ricercatori 2019, venerdì 27 settembre, dalle 16 alle 23, l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma apre le porte del polo di ricerca pediatrica nella sede di Roma-San Paolo (viale Ferdinando Baldelli, 38): 5mila metri quadrati di laboratori equipaggiati con apparecchiature e tecnologie di ultima generazione dove lavorano oltre 800 persone tra ricercatori (circa 400), medici, biologici, farmacisti, infermieri. L’evento è promosso dalla Commissione europea fin dal 2005 e l’Italia partecipa con diversi progetti tra cui “Bees – “Be a citizEn Scientist” coordinato dall’associazione Frascati Scienza, a cui aderisce fra gli altri anche l’Ospedale pediatrico della Santa Sede. L’obiettivo è portare la scienza e l’esperienza dei ricercatori tra i cittadini, in un’ottica di collaborazione e reciproco scambio. Tante le attività per bambini e famiglie. Tra le iniziative in programma, visite guidate ai laboratori di ricerca, durante le quali i partecipanti potranno vedere il funzionamento dei sofisticati macchinari e assistere a piccoli esperimenti scientifici; stand tematici dedicati alla scienza: ricerca e stampa 3D. E ancora, incontri a tu per tu con i ricercatori e mini conferenze sui principali filoni di ricerca condotti nell’Ospedale, dalle nuove terapie antitumorali alle frontiere della genetica e all’attività della biobanca. Per i più piccoli, infine, laboratori creativi e spettacoli a cura di un “mago” e dei suoi assistenti, per imparare la scienza giocando. Partecipazione gratuita e senza prenotazione.

 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo